position-6

 

DA ALESSIO GABBI

 

Non stiamo parlando di vino ne di uve selezionate ma della conclusione della stagione agonistica dell’associazione sportiva dilettantistica del DAC, Desio Aria Compressa. I tiratori brianzoli hanno lavorato duro

tutto l’inverno per ottenere l’ambita qualificazione alle finali del postal match organizzato anche quest’anno da BRAC Italia.

Spirito di gruppo, tanto allenamento, sano agonismo, un minimo di sacrificio per sfidare l’inverno padano, il primo avversario che insidia il tiratore brianzolo quando immobile sullo sgabello cerca la “muche”, incurante dell’artrite che attanaglia ossa e giunture.

I risultati sono arrivati, ottimi e abbondanti, mese dopo mese, gara dopo gara (i cartelli prodotti per il campionato BRAC sono anche le prove per il campionato interno all’associazione). Alla fine ben 98 sono stati gli atleti delle diverse società sportive selezionati per la finale svoltasi nei giorni 4/5 maggio presso la sezione di Pontedera del Tiro a Segno Nazionale e dove, diciamo già, I “Dacchiani” si sono distinti un po’ in tutte le categorie.

 

 

 

E’ a Pontedera, infatti che il gioco si fa duro davvero. Lungo il tragitto tra Pisa e Pontedera gli atleti finalisti in arrivo da tutta Italia vengono salutati da un niente affatto rassicurante impianto eolico: i giganti con l’elica se da una parte fanno sperare in un futuro dove l’umanità produrrà energia pulita, dall’altra raccontano al tiratore un’altra storia: “non dare per scontato il 10, ma nemmeno il 9…” sussurra il vento tra le pale che girano veloci.

il venerdì sera che precede l’inizio delle competizioni è a detta di tutti il momento meno agonistico ma più intenso. Nel confort della sala da pranzo presso la sede del centro sportivo Bellaria di Pontedera le Associazioni e gli atleti si incontrano, e le felpe e le maglie con colori sociali si mischiano, in una comunione di passione comune che dalla Sicilia al Friuli coinvolge ed emoziona. Le amicizie si saldano, i segreti di ogni tiratore si svelano. Ma solo per una sera: domani mattina ognuno per se e Dio per tutti! E speriamo che Eolo sia di buon umore.

  

E così è stato: vento presente ma non impossibile da gestire durante il sabato. Ogni tiratore ha eseguito le due manche per ogni categoria provando l’ebrezza del primo risultato da riconfermare nel secondo cartello o, viceversa, con la disperazione per recuperare un primo risultato deludente. Qui ognuno potrebbe raccontare la sua storia fatta di illusioni, disillusioni, ottimi risultati penalizzati da un barilotto colpito due volte, o non colpito affatto, qualcuno ha eccelso in una categoria vergognandosi per i risultati ottenuti nell’altra…

  

Alla fine quello che conta è l’aritmetica della somma dei punti. E che hanno visto molti dei ragazzi del DAC sia sul podio del sabato dedicato alle categorie Springer, Sporter, Superspringer e Diottra, sia su quello della domenica dove oltre all’Unlimited A si sono confrontate sulle linee di tiro a 25 metri di Pontedera le piena potenza dell’Unlimited B e la categoria Open

 Ecco come sono andate le cose:

 

Springer

Il podio della categoria Springer è quello che ha dato meno soddisfazione al gruppo brianzolo. Dalla Sicilia al Friuli è stato occupato sul gradino più alto da Francesco Scrofani con 473,5 al secondo posto da Corradini Marzio con 235,2 e dal  leggendario Silvio Lecci al terzo posto con 231,5. Il cartello “best of the day” se lo è aggiudicato Giuseppe Curcuruto con una prestazione mattutina di 241,3 che purtroppo non ha saputo eguagliare nemmeno lontanamente nella seconda prova. Il nostro campione Fernando Moioli, nonostante i lusinghieri risultati ottenuti durante la stagione di qualificazione si è classificato solo settimo con 462,4 punti: a soli due punti dal terzo posto tanto per dire di quanto le classifiche dei finalisti fossero serrate. Ma l’encomio lo ha comunque conquistato per aver passato la giornata a contare i punteggi.

 

 

Podio Springer

1° Francesco Scrofani 473,5   <>   2° Marzio Corradini 466,3  <>   3° Silvio Lecci 464,7

 

Sporter

Nella categoria Sporter buona parte dei finalisti avevano la divisa del DAC, una specialità quella dell’imbracciata con ingrandimento massimo a 6,5X che appassiona e coinvolge i ragazzi di Desio e che si sono portati a casa quasi tutto il medagliere riservato alla categoria. Sul gradino più alto del podio è infatti salito Emilio Sangregorio, realizzando nei due cartelli 470,8 punti e aggiudicandosi anche il premio per il miglior cartello della giornata completato con 242,6 punti. Gianni Franco Strano ha occupato il secondo posto con 469,7 punti, mentre ancora al DAC nella persona di Davide Bove è stato assegnato il terzo posto con 467,9 punti.

 

 Podio Sporter

1° Emilio Sangregorio 470,8  <>  2° Gianni Franco Strano 469,7  <>  3° Davide Bove 467,9

 

Diottra

Nel più accademico dei sistemi di mira il vento ha fatto la sua parte affinché nessuno dei concorrenti potesse avere la soddisfazione di completare il cartello con un 160 pieno tante volte riportato in allenamento. Ma anche in questa disciplina i ragazzi del DAC investono passione e impegno e i risultati si sono visti sul podio con un monocolore DAC sui tre gradini. Primo il presidente dell’associazione e grande cultore di questa disciplina Sergio Bombardieri con 306.5 punti, segue Michele Galati con 305,2 punti e ancora una volta al terzo posto Davide Bove che si aggiudica il secondo bronzo della finale 2019 con 304,5

punti. Ad un altro atleta non appartenente al sodalizio brianzolo la soddisfazione del miglior cartello, ben meritato da Francesco Scrofani che ha realizzato un bel 156,5  interpretando magistralmente il movimento delle bandierine segnavento.

 

 

 

Podio Diottra

1° Sergio Bombardieri 306,5  <>  2°Michele Galati 305,2  <>  3°Davide Bove 304,5

 

Superspringer

 Una categoria per intenditori quella della Superspringer che vede impegnate poche ma gloriose FWB olimpioniche. A onor del vero il primo posto sul podio se lo aggiudica Silvio Lecci con una super custom HW 77 con la quale ha realizzato 453,5 punti, quindi Andrea Ruggieri con 440,5 mentre spetta ad un atleta del DAC di Desio il terzo posto del podio: Umberto Guerra, cultore di questa disciplina e che ha realizzato 438,3 punti.

  

 

Podio Superspringer

1°Silvio Lecci 453,3  <>  2°Andrea Ruggieri 440,5  <>  3°Umberto Guerra 438,3

 

Unlimited A

 La giornata di domenica è stata quella della categoria più affollata, con ingrandimenti liberi sulle ottiche e unico limite imposto rispetto alla potenza in uscita del pallino contenuta entro i 7,5 Joule. Ben 34 i finalisti che si sono dati battaglia e anche in questa occasione almeno il secondo e il terzo posto hanno paternità DAC con Nicola Martino che si aggiudica il secondo posto con 478,11 punti e ancora Umberto Guerra che sale sul terzo gradino in forza dei 476,8 punti ottenuti nei due cartelli prodotti.

 

 

Podio Unlimited A

1°Francesco Suman 486,15  <>  2°Nicola Martino 478,11  <>  3°Umberto Guerra 476,8

 

Unlimited B (LVA)

La categoria Regina nonché internazionale con potenza limite fissata a 16Joule ha dato ottime soddisfazioni agli atleti di Desio. In particolare a Michele Galati, che sale sul gradino più alto del podio con

492, 17 punti, ma anche il bronzo ha i colori del DAC in questa categoria grazie a Nicola Martino che realizza un totale 492,9 e un eccellente miglior cartello del giorno che sfiora il punteggio massimo con un 249,4

 

 

Classifica podio Unlimited B

1° Michele Galati 492,17  <>  2° Antonio Sirna 492,12  <>  3° Nicola Martino 492,9

 

Categoria Open (HVA)

Questa categoria riservata alle carabine a piena potenza fino a 27 j ha dato piena soddisfazione agli atleti del DAC con un podio composto per intero dai tiratori brianzoli.

 

Podio Open

1°Michele Galati 494,17  <>  2° Walter Pieretti 494,14  <>  3° Donato Dipinto 490,14

 

L’associazione Desio Aria Compressa ringrazia in particolare lo staff di Brac Italia per l’ottimo lavoro svolto, e si prepara per l’ultimo appuntamento agonistico prima della pausa estiva: la mitica gara notturna del 23 giugno con cartello BR 50 a 25 metri dove, a partire dalle ore 20, tutti i tipi di carabina depo si daranno battaglia sulle 50 visuali, tra panini, salsiccia, piadine e birra…